Per gli studenti di ogni grado la pandemia ha posto molte sfide. Eppure, tra difficoltà superate grazie a una grande dose di buona volontà e con lo sviluppo di nuove competenze nate dal periodo di chiusura forzata, gli studenti italiani hanno dimostrato di non lasciarsi abbattere. Anzi, di seguire ancor più pervicacemente i loro sogni, consapevoli più che mai che la crescita passa anche attraverso momenti di crisi.

La chiusura forzata, dalle mura di casa alle frontiere tra i Paesi, sembra aver alimentato ancor di più il fuoco che arde nel cuore di molti adolescenti di poter studiare all’estero durante il ciclo delle scuole superiori. Una “Generazione Intercultura” che, valigia e passaporto in mano, decide di sfruttare al massimo le opportunità di miglioramento a livello scolastico e personale andando a studiare in una scuola all’estero (dall’intero anno scolastico a un periodo estivo). I dati lo dimostrano: 5000 adolescenti di tutta Italia lo scorso autunno hanno deciso di iscriversi al concorso di Intercultura, l’Associazione no profit leader in Italia nell’organizzazione degli scambi scolastici internazionali. 1.600 ragazzi tra i 16 e i 17 anni sono risultati vincitori e hanno già iniziato il percorso di formazione guidato dai volontari dell’Associazione che li aiuterà a prendere consapevolezza dell’esperienza che si accingono a vivere e a dotarsi degli strumenti utili per affrontare le varie situazioni che si troveranno a vivere a breve.

UN APPUNTAMENTO SPECIALE PER I VINCITORI DEL CENTRO LOCALE DI PUTIGNANO si terrà questa sera alle 18,00 nel chiostro comunale di Putignano con la CERIMONIA DI PREMIAZIONE IN PRESENZA CON LA PARTECIPAZIONE della Sindaca Luciana Laera e dell’Assessora alla Cultura Rossana Delfine.

Anche quest’anno i volontari di Intercultura di Putignano hanno voluto creare un momento speciale per gli studenti e per le loro famiglie. I ragazzi riceveranno la pergamena attestante la vincita del concorso nel corso della cerimonia di premiazione.

Veri e propri ambasciatori della loro terra nel mondo, questi adolescenti rappresentano un’iniezione di fiducia in un momento storico in cui il mondo ha scoperto delle fragilità, ma anche delle risorse inaspettate. Ponti tra le culture, laddove si sono dovuti costruire muri fisici e mentali, questi ragazzi hanno la possibilità di immaginare il proprio futuro come cittadini consapevoli delle proprie capacità e del proprio ruolo nella società in cui vivono. Un’opportunità risultata determinante dall’ampio programma di borse di studio che Intercultura, anche grazie alla collaborazione di numerosi partner esterni, mette a disposizione: in tutta Italia più di 2 studenti su 3 partiranno grazie al sostegno economico di una borsa di studio, totale o parziale. In particolare, alcuni tra i ragazzi sono di Putignano, Alberobello, Monopoli, Polignano, Noci, Locorotondo.

“Il nostro Progetto educativo non si limita ad inviare dei giovani a studiare in un altro Paese – commenta Andrea Franzoi, Segretario Generale di Intercultura – ma si propone di accompagnarli in un percorso di crescita mirato a sviluppare le competenze necessarie per comprendere la realtà complessa del mondo di oggi. Una ricerca di Human Foundation sul Social Return on Investment di Intercultura ha calcolato che ogni euro investito nelle nostre attività genera un beneficio non solo sui singoli studenti partecipanti, ma per l’intera società italiana. Ad ogni Euro investito viene generato un ritorno di oltre 3 Euro. Un risultato che ci rende orgogliosi”.

Tutte le partenze si succederanno nel corso dell’estate, da fine giugno in avanti, in base all’inizio dell’anno scolastico nei vari Paesi e in base all’effettiva apertura delle frontiere, a seconda dell’evoluzione della situazione sanitaria. Intanto, anche in Italia Intercultura sta selezionando famiglie interessate a confrontarsi con un ragazzo o una ragazza di un altro Paese: sono oltre 300 i giovani che arriveranno in Italia all’inizio dell’anno scolastico. I volontari dell’Associazione sono a disposizione per tutte le richieste in proposito.

Di admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: CONTENUTO PROTETTO!