GMG MADRID, TORNATI I GIOVANI PUTIGNANESI!

Martedì 30 Agosto 2011 17:21 La Redazione
Stampa
AddThis Social Bookmark Button

Sono tornati nel primo pomeriggio di mercoledì 24 agosto i 14 giovani putignanesi (nelle foto il momento dell’arrivo a Putignano e l’incontro con la comunità di Càjar), provenienti da parrocchie e associazioni cattoliche cittadine, che dal 10 agosto sono stati ospiti della Spagna per partecipare alla XXVI Giornata Mondiale della Gioventù, l’incontro dei giovani di tutto il mondo con il Papa, svoltosi a Madrid dal 16 al 21 agosto 2011.

 Il gruppo ha condiviso l’esperienza con i giovani della diocesi di Conversano - Monopoli (per un totale di 72 pellegrini) e di altre diocesi pugliesi (Altamura-Gravina-Acquaviva delle Fonti, Castellaneta, Cerignola-Ascoli Satriano), guidati da Mons. Pietro Maria Fragnelli, Vescovo di Castellaneta e delegato della Conferenza Episcopale Pugliese per la Pastorale Giovanile. Giorni indimenticabili (10-15 agosto) sono stati quelli del gemellaggio con la diocesi di Granada, dove hanno sperimentato la grande accoglienza della cittadina di Càjar, con il suo parroco don Carlos del Rio e le famiglie che hanno offerto ospitalità nelle proprie case con quella generosità speciale di chi vive la fratellanza nella fede; non è mancata occasione per visitare i luoghi e conoscere le tradizioni così fieramente immersi nel solco dell’incontro tra Cristianesimo e Islamismo, per essere ricevuti dal Sindaco di Càjar, da cui ricevere omaggi scambiati con un bel cesto di prodotti nostrani, tra taralli, friselle e intorchiate, a suggello di un’esperienza che è reciproco donarsi e sentirsi figli e fratelli nella grande famiglia dei credenti. In seguito a Madrid i giovani sono stati ospiti della Fundàcion Caldeiro, scuola collegio dei terziari cappuccini amigoniani, per unirsi ai pellegrini di tutto il mondo e vivere la straordinaria esperienza della GMG all’insegna della fede, della condivisione, del grande spirito di adattamento (memorabili gli spazi risicati delle aule e le docce con l’acqua gelida!), delle emozioni e dei colori, per poi accogliere dal 18 al 21 agosto il Santo Padre Benedetto XVI, instancabile pastore che non si è risparmiato di trasmettere ai giovani il suo affetto paterno e di richiamarli in sintonia con il tema “Radicati e fondati in Cristo, saldi nella fede” (Col 2,7), al rapporto personale con Dio, all’autenticità e coerenza, alla comunione con la Chiesa, a cercare la verità nel Cristo: «Che niente e nessuno vi tolga la pace, non vergognatevi del Signore», ha detto Benedetto XVI, sollecitando la società ad avere a cuore i giovani, nuovi apostoli dell’evangelizzazione e messaggeri della gioia. Non sono mancati momenti di disagio, soprattutto relativo al maltempo che ha colpito la veglia eucaristica sabato 20 agosto presso la base aerea di Cuatro Vientos, ma la pioggia, il vento sferzante, i fulmini e il panico generale non hanno intimorito i putignanesi, attrezzati per ogni evenienza, rimasti a dormire sotto “le stelle” fino all’indomani quando hanno partecipato alla celebrazione conclusiva presieduta dal Papa, insieme a circa 2 milioni di persone. Gli ultimi giorni di viaggio sono stati trascorsi a Barcellona, dove i ragazzi hanno visitato la Sagrada Familia e scoperto la maestria di Anton Gaudì, l’architetto di Dio, non senza tralasciare la “movida catalana”. Punto di riferimento per tutta la durata del viaggio è stato don Roberto Turco, parroco di S. Filippo e responsabile della Consulta di Pastorale Giovanile di Putignano, che ha accompagnato, guidato spiritualmente, incoraggiato i giovani a vivere quest’esperienza, occasione magnifica per assaporare la bellezza della fede, per aprirsi al mondo e all’universalità della Chiesa, per allacciare rapporti umani, amicizie, affetti che continueranno nel tempo. E ora, recuperate le forze, i giovani si apprestano a raccontare, a testimoniare ciò che hanno visto e udito – come invita il Papa – alle famiglie, agli amici di ogni giorno, alle comunità parrocchiali, in attesa di nuovi slanci e nuove mete da raggiungere. E c’è già chi strizza l’occhio a Rio de Janeiro 2013! Hasta luego, amigos!

Ecco i nomi e cognomi dei pellegrini di Putignano: Don Roberto Turco, Francesco Russo, Tiziana Maggipinto, Marica Loliva, Laura Daprile, Giuseppe Campanelli, Sara Detomaso, Angelica e Francesco Genco, Alessio Pace, Mariano Tinelli, Gianpaolo Lattarulo, Rosalinda Maggipinto, Maurizia Polignano, Angelica Sabatelli e i conversanesi Massimiliano Fanelli e Ivana Giannuzzi.

 

La Consulta di Pastorale Giovanile di Putignano

Ultimo aggiornamento Martedì 30 Agosto 2011 21:34