La festa di San Giovanni e l'Ass.Porta Barsento(VIDEO)

Lunedì 24 Giugno 2013 00:00 amministratore
Stampa
AddThis Social Bookmark Button
Vigilia di San Giovanni, domenica 23 giugno
a Putignano il corteo col Balì e i Cavalieri di Rodi
 

Da 655 anni san Giovanni Battista è patrono unico di Putignano. Nel 1358, infatti, papa Alessandro VI accolse con una bolla la richiesta dell’ordine dei cavalieri di Rodi per sancire il definitivo rientro di Putignano nel feudo di santo Stefano assegnato loro sin dal 1317 ma senza poterne entrare in possesso. Si era messo infatti di mezzo Gualtieri VI di Brienne, conte di Conversano, Lecce e duca di Atene, un avido e sanguinario cavaliere angioino, che aveva occupato Putignano per un trentennio facendovi costruire una poderosa torre, a spese dei putignanesi, senza tenere conto delle proteste dell’ordine.

 

 

  

Ma la battaglia di Poitiers, in Francia, nel 1356, durante la guerra dei Cent’anni, cambia il corso della storia di Putignano. Gualtieri VI di Brienne muore e nel testamento dice di restituire il maltolto ai legittimi proprietari. Putignano, dunque, viene restituita al balì di santo Stefano che lo governerà per ben 450 anni sino al 1806.

Domenica prossima, 23 giugno, l’associazione Porta Barsento rievoca l’anniversario di san Giovanni patrono di Putignano con un corteo, composto da balì, cavalieri e popolo  che, da porta Barsento a porta Nuova, via Margherita di Savoia, via Tripoli, corso Umberto I, Estramurale a Mezzogiorno, attraverserà l’intero centro abitato per concludersi presso l’orto di san Domenico. Nell’accampamento si svolgerà la cerimonia di restituzione del possesso di Putignano tra il capitano della torre, Goffredo di Hervé, al balì di santo Stefano, frà Guerino da Castelnuovo. Seguiranno grandi festeggiamenti con sbandieratori, musici, danze medievali e gli spari dei trombonieri.

Ultimo aggiornamento Lunedì 24 Giugno 2013 17:05