MALABUROCRAZIA, IL CITTADINO VA RIMBORSATO

Martedì 15 Maggio 2012 09:31 Polidream AssoUtenti
Stampa
AddThis Social Bookmark Button

I casi di atti erronei o illegittimi della Pubblica Amministrazione si moltiplicano ormai a dismisura.

Dalle cartelle pazze agli accertamenti fiscali completamente sbagliati, dai duplicati di pagamento alle discordanze anagrafiche, spesso e volentieri il cittadino è costretto ad inseguire i capricci e gli svarioni di Comuni, Province, Regioni ed Enti vari.

In questi casi l'utente non solo si deve preoccupare di reperire la documentazione, ma deve recarsi personalmente agli uffici per chiarire la sua posizione, con un dispendio di energia e di tempo non da poco. Questo può significare perdere una o due giornate di lavoro, spostarsi con l'auto o con i mezzi pubblici, per non parlare dell'agitazione e del disagio provocati, specialmente fra gli anziani.

Se è il consumatore a sbagliare, la Pubblica Amministrazione irroga sanzioni ed interessi a go-go! E se invece avviene il contrario, perché lo Stato non deve rimborsare il cittadino?

Quello che chiediamo, in definitiva, è una piccola normativa di civiltà, che dia un bonus di indennizzo all'utente che è costretto a perdere tempo a causa degli errori della Pubblica Amministrazione. Cento euro potrebbe essere la somma con cui far partire questa nuova regola.

Intanto che questa legge passi, chiediamo a tutti i consumatori vittime di pubblici atti erronei di recarsi presso le nostre sedi, perché comunque venga effettuata la richiesta di rimborso.

Polidream Assoutenti di PUTIGNANO ti aspetta, previo appuntamento, in Via S. Antonio, n. 9 (di fronte alla Stazione Tamoil). Chiama il num: 080.4058623 o 347.9554876.

 

Il Delegato Locale                                       

 Avv. Daniela Nicoletta Marinelli                   

Ultimo aggiornamento Martedì 15 Maggio 2012 09:36