LAVARRA, DE CASTRO E FINOCCHIARO INCONTRANO I NOSTRI PRODUTTORI LATTIERO-CASEARI (VIDEO)

Sabato 16 Febbraio 2013 07:11 amministratore
Stampa
AddThis Social Bookmark Button

LAVARRA, DE CASTRO E FINOCCHIARO INCONTRANO I NOSTRI PRODUTTORI LATTIERO-CASEARI

Diversi rappresentanti del mondo zootecnico e lattiero caserario di Putignano e Gioia del Colle hanno incontrato ieri Enzo Lavarra, Paolo De Castro e Anna Finocchiaro per presentare il progetto di marchio europeo DOP per la tradizionale treccia della Murgia, la mozzarella fatta con sierinnesto naturale.


“L’agricoltura è sempre in cima al suo cuore”, con queste parole Enzo Lavarra introduce Anna Finocchiaro. E’ stato un incontro tecnico e di settore, quello di ieri 14 febbraio a Gioia del Colle. Il tema centrale dell’incontro è stata la garanzia di un impegno ad accompagnare prima la certificazione Dop per la treccia della murgia e òpoi le azioni di promozione che ne conseguiranno. “Il nostro impegno- ha detto Lavarra- non è di contingenza elettorale. Ce ne stiamo occupando da tempo e ce ne occuperemo a Roma e a Bruxelles. Questa certificazione è importante sia per gli allevatori, che rappresentano il 60% della zootecnia della provincia di Bari, sia per l’industria lattiero-casearia, con aziende che stabiliscono veri patti con gli allevatori per cui alla qualità della produzione corrisponde la qualità del prodotto.” Il lavoro sul tema, ha assicurato l’ex europarlamentare, sarà ai massimi livelli nella convinzione che la valorizzazione di un prodotto di eccellenza “fa- per usare le parole di Lavarra- da traino per l’integrazione con altre componenti fondamentali per questo territorio e sono le tradizioni culturali, i beni paesaggistici, i beni culturali”. Rincara la dose De Castro, dicendo “Riusciremo a portare a casa questo considerevole risultato. Ci Siamo riusciti con prodotti ben più complicati. Una vota ottenuta la denominazione di origine, però, bisognerà considerarla un primo passo e non utilizzarla come un fiore all’occhiello. Trasformarla, dunque, in opportunità per fare rete con gli agricoltori. Un esempio è il Parmigiano, dove il marchio si è integrato con 420 cooperative e la qualità si è trasformata in reddito. Non è più tempo di singoli è tempo di gioco di squadra.” Conclude l’appuntamento Anna Finocchiaro,  pronta a sostenere, insieme a De Castro e Lavarra, le richieste che arrivano dagli imprenditori del settore lattiero-caseario pugliese . “L’ho già fatto per l’olio – dichiara la senatrice – lo farò per la treccia Dop, perché ritengo questo disciplinare, per il quale si sono spesi dirigenti validissimi pugliesi del nostro partito come De Castro e Lavarra, un riconoscimento storico per questa prodotto pugliese, che senz’altro finirà per arricchire la proposta italiana all’estero. Il mondo chiede cibo – sottolinea Finocchiaro – quindi chiama la qualità italiana. E se nel recente passato siamo riusciti a contrassegnare la cioccolata di Modica con il marchio Dop, impresa più difficile, sicuramente riusciremo a farlo per questo straordinario prodotto della Puglia”.

Videodocumento by GR RADIO ONDA NOTIZIE

Ultimo aggiornamento Sabato 16 Febbraio 2013 07:48