ITALIA 150, L'ON. VIOLANTE A PUTIGNANO

Martedì 22 Marzo 2011 23:51 Francesco Russo
Stampa
AddThis Social Bookmark Button

Sabato scorso 19 marzo è stato l’onorevole Luciano Violante l’ospite d’eccezione a Putignano ad impreziosire il programma degli eventi che l’Amministrazione Comunale di Putignano e l’Assessorato al Bilancio hanno stilato per celebrare i 150 anni dell’Unità d’Italia. Violante ha fatto tappa inizialmente presso la sede dell’Università Popolare e della Terza Età dove, accolto dal presidente Primo Scalini, ha avuto un colloquio con i soci e i presenti sul valore del 150° dell’Unità nazionale. Il momento istituzionale si è svolto in sala consiliare alla presenza di esponenti della maggioranza e della giunta comunale: a fare gli onori di casa il vicesindaco Dino Angelini, che ha portato il saluto del Sindaco De Miccolis, a Roma per impegni istituzionali, e il presidente del Consiglio Comunale di Putignano, il prof. Pietro Sportelli; Violante, oltre a ricordare la particolare importanza dei comuni italiani nel processo di unificazione, ha elogiato Putignano per la sua storia di democrazia e partecipazione popolare nel complesso di vicende e traguardi che hanno portato all’Unità d’Italia e poi alla Repubblica nel 1946, e i tanti putignanesi che hanno manifestato la partecipazione alle celebrazioni del 17 marzo, esponendo il tricolore per la città. Ultima tappa dell’onorevole a Putignano è stato il Polo Liceale “Majorana - Laterza”, dove ha incontrato, nell’auditorium dell’ex Classico, gli studenti delle scuole superiori di Putignano, tenendo una lezione su “Etica pubblica, principio di legalità. Senso dello Stato”.

L’ex magistrato e politico di lungo corso ha richiamato i valori della solennità e dell’onore per coloro che sono chiamati a ricoprire cariche pubbliche e l’importanza della partecipazione e del coinvolgimento dei cittadini alla vita democratica di un paese; nel dialogo successivo con gli studenti, a cui ha rivolto l’invito a studiare e a formarsi, citando anche Antonio Gramsci: «Istruitevi, perché avremo bisogno di tutta la vostra intelligenza», non si è sottratto alle domande su precarietà, meritocrazia, legge elettorale.

Al tavolo dell’illustre relatore vi erano l’Assessore al Bilancio Gianni Campanella, incaricato dell’amministrazione per le celebrazioni del 150°, il dirigente scolastico del “Majorana-Laterza”, prof. Martino Sgobba e il Prof. Ferdinando Pappalardo, docente presso l’Università di Bari e già senatore della Repubblica.

 

Ultimo aggiornamento Mercoledì 23 Marzo 2011 00:12