Propaggini 2017. . .le riconferme

Lunedì 25 Dicembre 2017 10:37 amministratore
Stampa
AddThis Social Bookmark Button

Propaggini 2017. . . . . . i Vincitori    A' cumpagnèie d'i uagnoun


 

 

Tutto pronto per il Carnevale di Putignano

Con la festa de “Le Propaggini” inizia ufficialmente il Carnevale più lungo d’Europa

Otto i gruppi che si contenderanno i premi in denaro, performance di danza e proclamazione degli Ambasciatori del Carnevale

(Martedì 26 dicembre, Piazza Plebiscito - ore 15.30)

L’edizione numero 624 del Carnevale di Putignano si prepara ad andare in scena. Il sipario si alzerà martedì 26 dicembre con la tradizionale Festa delle Propaggini che animerà Piazza Plebiscito, cuore del centro storico, a partire dalle 15,30. Ad anticipare la sfida in vernacolo, a suon di satira, tra bande di poeti stravaganti, il rito sacro del passaggio del cero – omaggio a Santo Stefano Patrono della Città – tra chi istituzionalmente rappresenta il Carnevale e chi governa la festa sacra.

«La Festa delle Propaggini – racconta il Presidente della Fondazione Carnevale di Putignano Giampaolo Loperfido – è un rito che si perde nella notte dei tempi e che, fedele alla storia, si rinnova puntuale ogni anno. Il primo appuntamento del nostro Carnevale legato alla tradizione che coinvolge e riunisce la comunità nel segno del ceppòne, il tralcio della vite simbolo della festa. Una festa sospesa tra sacro e profano che, dal lontano 1394, ci introduce al periodo più divertente e spensierato dell’anno».

Sotto la conduzione di Pina Laera, a colpi di versi satirici rigorosamente in dialetto, otto gruppi di propagginanti (che si esibiranno secondo questo ordine d’uscita: A’ Fezz, Cem cemderap i ciquere, Giugno '87, Trio-Gesimo, La Zizzania, Gruppo D'Elia, I Spatriat, A' cumpagnèie d'i uagnoun) si sfideranno mettendo in piazza fatti e misfatti della quotidianità, scatenando la risata e conquistando pubblico e giuria che decreterà i vincitori. Premi in denaro per i primi sette classificati. In caso di maltempo l’evento si svolgerà all’interno del Chiostro Comunale.

Alle esibizioni dei propagginanti seguirà la performance di danza “Dancer’s Things”, con coreografie di Macia del Prete, che diventerà la sigla del Carnevale 2018. Un progetto di Claudia Mangini che indaga in modo alternativo il mondo carnascialesco e mette in guardia lo spettatore da quello che può renderlo privo di autonomia decisionale. Un’idea che prende il nome dalla serie

Ultimo aggiornamento Mercoledì 27 Dicembre 2017 10:19