Bcc Nep, domani a Perugia va in scena la quinta

Sabato 12 Gennaio 2013 17:53 Bcc Nep Castellana
Stampa
AddThis Social Bookmark Button

Se c'è un filo rosso che divide le formazioni della Sir Safety Perugia e della Bcc Nep Castellana Grotte in questo momento, quello è senz'altro il numero 5. Domenica in terra umbra va in scena la quinta sfida fra le due compagini, che hanno iniziato ad incontrarsi nella scorsa stagione in A2, salendo quasi a braccetto nella massima serie dopo una stagione che le ha viste di fronte per tre volte (due in campionato ed una semifinale di coppa Italia) e per le stesse tre volte ad uscirne vittoriosa è stata la New Mater, dopo tre estenuanti tie break.

Ancora un quinto set ha rappresentato l'epilogo anche del match dell'andata di questo campionato di A1, nel quale la squadra di Boban Kovac (ex giocatore di Gioia e Taranto sotto Di Pinto) ha rotto l'imbattibilità pugliese contro i Block Devils. Non ci è dato sapere se ci sono altre squadre che in tutti i loro match siano arrivate al tiebreak in tutti quanti gli scontri diretti e certo ci sembra alquanto improbabile, pur trattandosi di poche gare.

 

L'equilibrio dunque la fa da padrone fra le due compagini, spesso accompagnato dallo spettacolo che solo cinque tiratissimi set di pallavolo possono offrire; così dunque allo stesso modo si presenta il match numero 5 fra le due, che siglerà la terza di ritorno del massimo campionato di volley maschile.

All'andata Perugia, squadra che ha cambiato pochissimo rispetto alla scorsa stagione di A2, riuscì a ribaltare con grande carattere una situazione che sull'8-3 al cambio di campo per i padroni di casa sembrava segnata, quello stesso carattere che permette ora agli umbri di tenere in attivo il proprio saldo, 7 vittorie e 6 sconfitte, 9 punti avanti ad una Bcc Nep ancora in cerca di continuità.

Il fattore campo può giocare a favore di Giovi e compagni ma i gialloblù di Gulinelli spesso fuori casa hanno espresso il miglior volley sentendo, forse meno la pressione. Di certo si attende un'altra partita combattuta anche se il tiebreak vorrebbero evitarlo in molti.

In casa pugliese saranno a disposizione tutti gli effettivi con Sabbi e Cester completamente ristabiliti dopo i guai di settimana scorsa che avevano escluso dal match sin dall'inizio il centrale trevigiano e eliminato l'opposto azzurro al termine del primo set con Macerata. Qualche problemino dovrebbe averlo anche Kovac che non saprà se contare su Edgar ma col serbo Petric pronto ancora a cambiare ruolo all'occorrenza, così come accaduto a Trento.  

New Mater e Perugia dunque entrambe a caccia di punti importanti, punti che per i pugliesi potrebbero rivelarsi decisivi per la griglia dei playoff scudetto, alla viglia dei due turni casalinghi consecutivi, Modena e Verona, dai quali gli uomini di Gulinelli vorrebbero trarre il massimo in termini di risultato.

“E' una gara fra due squadre che si conoscono molto bene - afferma il Direttore Sportivo Bruno De Mori - Perugia è un’ottima squadra, molto combattiva,  che ha dimostrato di sapersi subito adattare al campionato di A1 ed ha saputo sfruttare tutte le occasioni che le si sono presentate; possiede elementi di sicuro affidamento come Vujevic e ha il fatto di aver cambiato meno nell'organico rispetto allo scorso anno si è rivelato un grande vantaggio. Per contrastarli dovremo mettere in campo il nostro miglior gioco”.

Gulinelli dovrebbe ritrovare dunque la formazione tipo con Sabbi opposto a Falaschi, Cester e Yosifov al centro, con Alex Ferreira e Casoli in banda e Paparoni libero; qualche dubbio legittimo per Kovac a causa dell'assenza probabile dell'opposto australiano Edgar ma potrebbe essere Tamburo a partire titolare in posto 2 con Petric riportato in banda con Vujevic e Tomasetti e Semenzato al centro con Giovi libero. da verificare anche il ruolo di palleggiatore titolare fra Van Harskamp e Daldello in una formazione che fa della duttilità una delle sue armi migliori.

Arbitreranno Prandi e Satanassi con avvio alle consuete ore 18.

Ultimo aggiornamento Sabato 12 Gennaio 2013 17:55