Spazio pubblicitario
Putignano News

Basket Putignano, ci vuole un'impresa

E-mail Stampa PDF
AddThis Social Bookmark Button

Domenica prossima, 8 maggio, ore 19.00, al Palazzetto in via Cavalieri di Malta, il Basket Putignano avrebbe potuto festeggiare la promozione in serie D davanti ai propri tifosi. Avrebbe. Perché il presupposto era tornare con una vittoria da Manfredonia, dove sabato ha giocato Gara 1 dei Playoff contro la SILAC Angel. Ma il pesante 63-50 subito dai rossoblù ha reso la partita di domenica prossima, un "elimination game", come dicono in America, ovvero un match da dentro-fuori: se perdi vai a casa.

Ma torniamo all'altro ieri e al concorso di cause che hanno determinato la sconfitta. Partiamo dall'ambiente, piuttosto ostile. Un palazzetto in mattoni rossicci e con parquet in legno stagionato che, non fosse per il mix di hip-hop e house che accompagna riscaldamento e time-out e la presenza di un tale che commenta le azioni in viva-voce - manco fosse Bobbito Garcia a Rucker Park (New York City)-  avrebbe dato l'impressione di essere sul set di "Hoosiers-Colpo vincente", pellicola sulla pallacanestro liceale anni '50 nello stato dell'Indiana, con un commovente Gene Hackman come protagonista. I tifosi? Ci sono, caspita se ci sono: due/tre centinaia, con tanto di bandierine biancazzurre e tamburelli a corredo.

Eppure, inizialmente, il quintetto rossoblù (Rollo, Pastorello, Ditano, Mirizzi, Gabrielli), non sembra affatto intimorito, e apre la gara con un parziale di 7-0. Poi il Manfredonia dà fuoco alle polveri e risponde con un contro-parziale di 12-0. Dalla panchina escono Valentino Netti e Antonello Calò -che rimarranno gli unici cambi ad essere utilizzati da Coach Luisi - e il loro impatto è subito buono: il primo si rende utile su entrambi i lati del campo, il secondo sporca tutto lo sporcabile e sgomita a rimbalzo, anche offensivo. Alla sirena del primo quarto, però, il distacco rimane di 5 punti: 18-13. Diventeranno 6 a fine secondo quarto e a 7 a fine terzo.

Seppur matematicamente sempre in partita, i giocatori del Putignano appaiono in evidente imbarazzo a cospetto dello stile di gioco della squadra del Golfo. Perché in che modo gioca questo Angel Manfredonia? Con un atteggiamento tattico che avrebbe reso orgoglioso persino Mike D'Antoni: si corre tanto, si pressa a tutto campo fino all'asfissia e, nei limiti del possibile, si cerca di tirare sempre da 3. Una strategia di gara che sì, comporta un abnorme dispendio energetico, eppure il gruppo della provincia di Foggia riesce a rimanerne fedele quasi per 40 minuti, grazie ad una preparazione atletica invidiabile, a carte d'identità che profumano ancora di stampa e, soprattutto, ad una panchina davvero lunga e sfruttata in tutta la sua lunghezza, con cambi frequentissimi. L'impatto sulla squadra putignanese è drammatico: palle perse in quantità industriali e percentuali al tiro degne del tasso di crescita della Guinea Bissau.

Nonostante ciò, a metà dell'ultimo quarto il Putignano è solo a -4 con palla in mano: non concretizza e accende il detonatore che fa esplodere un decisivo parziale di 10 punti del Manfredonia. A fine partita la squadra del presidente Umberto Campanella è sotto di 13. Col tabellino sotto gli occhi, colpisce la densità di crocette nelle caselle dei tiri  (da 2, da 3, dalla lunetta) falliti. La doppia cifra la raggiungono soltanto in tre: Pastorello con 14 punti, Ditano con 12 e Rollo con 11.

Morale della favola? Una trasferta tutta da buttare? Discorso qualificazione duramente compromesso? Tutt'altro. Eccezion fatta per l'organizzazione di gioco e la freschezza atletica, il Putignano non ha nulla da invidiare al Manfredonia. Nel roster rossoblù ci sono giocatori con migliori fondamentali e, capovolgendo il discorso delle carte d'identità, superiore esperienza, con tante battaglie in più sul groppone. Inoltre, non va sottovalutata l'incisività del fattore-sorpresa nel determinare le sorti di Gara-1. Il generale e filosofo cinese Sun Tzu, nel suo celebre trattato militare "L'arte della Guerra", diceva: "Conosci il tuo nemico e saprai come sconfiggerlo". Il Basket Putignano il suo nemico l'ha conosciuto fin troppo bene. Attende solo che le lancette dell'orologio di domenica si posizionino sulle 19.00 per sconfiggerlo. Con una Grande Muraglia di tifosi che lo aiuteranno a spingere la serie fino a Gara 3.

 

 

LIVE @ PUTIGNANOTV

Watch live streaming video from pugliawebtv at livestream.com

  • trullab
  • trullab
  • trullab
  • trullab
  • trullab

La tua pubblicità nel nostro portale

IN PRIMO PIANO


Contatore visite

Traduzione

Italian English French German Portuguese Russian Spanish

attivaenergia

tgrnews

Seguici su Spreaker

Download app android

Download app iphone

Ricerca

OGGI E'

TGRnews IL TG REGIONALE



Get the Flash Player to see this player.

time2online Joomla Extensions: Simple Video Flash Player Module

Antinia

News Ansa

meteo


Farmacia Palazzo

Per contattare la redazione putignanonews@gmail.com
GR Radio Onda Notizie - Direttore Responsabile: Lorenzo Derobertis - Direttore di Redazione: Gianni Russo/Francesco Russo
P.Iva: 05747790722 - Aut. Tribunale Di Bari del 17/09/1990 - N. Isc. Reg. Stamp. 629
Copyright © 2017 PUTIGNANO NEWS. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.