Il 15 marzo scorso, nell’Auditorium della scuola secondaria Stefano da Putignano, gli alunni delle classi terze hanno perso parte ad un incontro informativo previsto dal Progetto “Scuole Sicure” promosso dal comandante di Polizia locale del Comune di Putignano dott.ssa Maria Teresa Scalini, finalizzato al controllo e al contrasto di ogni forma di dipendenza e di spaccio di sostanze stupefacenti nei pressi degli istituti scolastici.

Ha introdotto l’incontro la Dirigente Prof.ssa Mariana Buttiglione la quale, tra l’altro, ha precisato che le “dipendenze” non riguardano soltanto le droghe, ma che ci sono diverse dipendenze legate, per esempio, all’utilizzo smodato di internet, degli smartphone dei giochi online, ad una alimentazione non corretta, dipendenze” che possono essersi sviluppate o amplificate anche in seguito alla mancanza di interazioni sociali, nel corso di questi ultimi due anni difficili e complicati per tutti noi. Ha aggiunto che è importante avere fiducia in chi indossa una divisa o comunque rappresenta le istituzioni del nostro Comune, perché si tratta di persone al servizio di ogni cittadino, che possono sostenerci, aiutarci nei momenti di difficoltà, poiché non esercitano solo un ruolo punitivo, come per esempio i poliziotti o i carabinieri.

Di seguito è intervenuta la sindaca avv. Luciana Laera, affermando che Putignano ha messo in campo una rete a sostegno della sicurezza del territorio e della cultura alla legalità, dando vita a un percorso di avvicinamento dei giovani alle istituzioni, spesso viste come distanti da loro, e a una politica di coesione, in cui i settori della pubblica amministrazione convergono affinché tutti i cittadini possano sentirsi sempre al sicuro. Ha augurato a tutti gli alunni presenti di sviluppare sempre di più una coscienza che allontani dalle dipendenze, diffondendo la cultura della legalità.

In rappresentanza della Polizia di Stato è intervenuto il sovrintendente capo Manghisi, il quale ha invitato gli alunni ad un costante dialogo con gli adulti, al fine di conoscere ad approfondire le normative che vietano l’utilizzo di alcune sostanze che, purtroppo, ultimamente circolano tra i giovani, anche fuori le scuole.

La Comandante della polizia Municipale Dott.ssa Scalini coadiuvata dal Commissario Tinelli, hanno presentato diversi interventi realizzati dall’amministrazione comunale a seguito di segnalazioni pervenute alla Prefettura, riguardo la diffusione di consumo e spaccio di sostanze stupefacenti, nella provincia di Bari, anche da parte di ragazzi molto giovani. Di qui la necessità di aprire il dialogo con le comunità scolastiche, per fare il più possibile prevenzione, considerato che già dal primo anno di scuola superiore, purtroppo, è piuttosto diffuso il consumo di tali sostanze tra ragazzi e ragazze.

Con il coinvolgimento della Polizia di Stato, del comandante dei Carabinieri Luogotenente Cicalese, della ASL con la psicologa Dott.ssa Terrusi Paola e di una educatrice Bruni Rossella, l’incontro si è arricchito di interessanti relazioni ed interventi legati al mondo delle emozioni, fino ad una dimostrazione esplicativa a cura del Nucleo Zoofilo Città Metropolitana di Bari durante la quale, gli alunni coinvolti dall’unità cinofila, hanno sperimentato dal vivo quanto avviene realmente nella ricerca di sostanze stupefacenti.

Un plauso a tutti gli alunni e alunne che hanno ascoltato con vivo interesse e compostezza, intervenendo opportunamente per porre domande pertinenti e interessanti.

Nei giorni 7 e 8 marzo, invece, l’Ass. Vivi la strada ha condotto quattro lezioni per la cultura della sicurezza stradale per gli studenti della 2^ e 3^ media dalla Stefano Da Putignano. Gli incontri formativi ed educativi sono stati voluti dagli stessi genitori dei ragazzi con referente del progetto la professoressa Floriana PALADINO.  Tonio Coladonato ha condotto spaziando dal rapporto famiglia, scuola e vita sociale. 90minuti intensi con proiezioni di video slide: al fianco di Vivi la strada non è mancata la presenza dell’Arma dei Carabinieri nella persona del M.llo Magg. Giuseppe Santostasi Comandante del Nucleo Radio Mobile di Gioia del Colle che prima del confronto con i ragazzi ha anche messo in visione ai futuri fruitori della strada l’auto di servizio GIULIETTA. I soccorritori della Pubblica Assistenza A.V.P.A. di Castellana Grotte hanno mostrato i presidi sanitari importanti per poter soccorrere e salvare una vita e mostrato con l’aiuto di una studentessa che si è offerta volontaria, come viene fatto un soccorso su strada per caduta accidentale. La Polizia Locale ha dato i consigli su monopattino e  biciclette elettriche, spiegando anche che Corso Umberto I la domenica e festivi è ZONA PEDONALE per cui è vietato scorazzare anche sui marciapiedi: se si causa un investimento o si recano danni a cose si incorrerebbe in una sanzione e nel pagamento del danno causato.

Ha concluso l’incontro il Capo Squadra dei VV.F. Alberto Sportelli in ferie a Putignano ma in servizio a Torino, dando delle indicazioni di come bisogna rapportarsi chiamando una centrale operativa di soccorso ai n. 115-118-112-113 ecc.: bisogna sempre rispondere agli operatori della C.O. di qualsiasi corpo anche se a volte le domande possono apparire “stupide” ma sono importantissime per ricevere il giusto aiuto. Il saluto della dirigente Prof.ssa Mariana BUTTIGLIONE è stato come un grande abbraccio a tutti gli educatori intervenuti in queste giornate e nonchè ai suoi studenti. Vivi la Strada fa un elogio per il comportamento a tutti i 198 studenti che sono stati presenti, sperando di poterli incontrare con nuove esperienze di vita.

La nostra organizzazione associativa vive di donazioni spontanee e sponsor ma da imprenditori e commercianti di Putignano si è sentito dire: queste lezioni non servono a niente, tanto la gente muore lo stesso!!! Sono soldi sprecati… – denuncia Tonio Coladonato – e no, cari signori, non è proprio così. Noi anche senza il vostro sostegno, il vostro aiuto, gli incontri li abbiamo fatti lo stesso e abbiamo notato la forte attenzione dei ragazzi, che dei tanti argomenti trattati non sapevano nulla, ma proprio nulla. ADESSO QUALCOSA L’HANNO IMPARATO!!!“.

Di admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: CONTENUTO PROTETTO!