Una storia che profuma di altri tempi, ma che ha tutto il dovere dell’ammirazione dei cittadini di Putignano e non solo. Protagonista è un giovane professionista putignanese che nel maggio 2019, nei pressi del suo studio in via Valentino D’Alessandro (adiacente a via Turi), ritrova per terra un gruzzoletto di 550€, divisi per banconote tenute insieme da una graffetta. “Ho subito pensato che qualcuno li avesse persi dalla tasca, magari un pensionato visto che era periodo del mese in cui ritirare la pensione – ci racconta – e ho anche provveduto a chiedere ai vicini se qualcuno avesse smarrito dei soldi, ma nessuno mi ha dato risposta affermativa”.

Il giovane putignanese, dunque, ha subito pensato di non tenerli per sé, ma, d’altronde come prescrive il codice civile, di denunciarne la scomparsa presso il Comando della Polizia Locale, dove con una procedura ben precisa le banconote sono state contate e vistate, lasciandole in custodia ai vigili in attesa di un riscontro da parte di qualche cittadino malcapitato, con l’indicazione da parte delle forze di polizia che, trascorso un anno senza alcun reclamo, i 550€ sarebbero tornati al professionista che li aveva ritrovati. “Non sai quante me ne hanno dette gli amici sul gesto che avevo fatto, soprattutto sul rischio che correvo di non rivedere quei soldi, che sarebbero finiti magari nelle tasche di qualche vigile. Ma non volevo crederci: bisogna avere fiducia nelle istituzioni e nelle forze dell’ordine!”.

Infatti, esattamente un mese fa, allo scadere dei 365 giorni da quell’inconsueto ritrovamento, il giovane professionista è tornato spontaneamente presso il Comando della Polizia Locale e un vigile gli ha riconsegnato le banconote. Come se non bastasse, il putignanese non le ha tenute per sé ma, alla fine della storia, i 550€ sono andati per sua volontà in beneficenza. Onore al merito, in tempi di cattive notizie, a questo giovane cittadino putignanese per l’onestà, il senso delle istituzioni e la sensibilità con cui ha affrontato la situazione, che a molti avrebbe certamente fatto gola e quei soldi sarebbero scomparsi nel nulla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: CONTENUTO PROTETTO!