Edizione rigorosamente online per la consueta conferenza stampa della BCC Putignano, a conclusione dell’anno 2020, e per la cerimonia di premiazione delle borse di studio a studenti universitari e laureati in memoria dei proff. Nicola e Luigi Albano, compianti docenti di materie scientifiche presso l’Università di Bari. In diretta dalla casa museo Albano, il presidente della BCC Putignano Alessandro Mele, accanto al direttore dell’istituto di credito Giovanni D’Onghia e alla sig.na Anna Albano, rappresentante della famiglia Albano. Presenti anche i membri del consiglio di amministrazione della BCC Putignano Bruno Bianco, Elisabetta Belviso, Giuseppe Plantamura e Mauro Bisceglia, nonché il presidente del collegio sindacale Pietro Lerede.

Eventi assolutamente imprevisti ed imprevedibili hanno fatto sì che il 2020, appena concluso, possa essere qualificato come un anno durissimo sotto molti punti di vista – ha esordito il presidente Mele nella sua relazione – Al di là del rallentamento globale dell’economia dell’intero pianeta che la crisi sanitaria ha comportato, grossi problemi si sono manifestati sul piano più specificatamente organizzativo. Per la nostra Banca, mono sportello, la prima preoccupazione è stata quella di garantire l’apertura continua della Filiale e l’erogazione del servizio bancario, che – lo ricordo – rientra tra i servizi di pubblico interesse. Ebbene, la Filiale si è sdoppiata, con l’individuazione di due gruppi che si sono alternati (e continuano a farlo) in presenza e in smart working; questa modalità operativa ha consentito e consente di assicurare continuità alle attività di Filiale, proteggendo la stessa da eventuali casi di positività tra i nostri collaboratori. Sicuramente in alcuni ambiti il c.d. “lavoro agile” comporta delle complicazioni che limitano l’efficienza. La nuova e diversa organizzazione operativa di Filiale da un lato e l’indubbio peggioramento della condizione economica generale dall’altro non hanno impedito alla nostra Banca di registrare anche per il 2020 appena concluso una crescita i tutti i settori di attività.

 2020 (€/mln)2019 (€/mln)VARIAZIONE %
RACCOLTA52,950,2+ 5,4%
IMPIEGHI38,037,2+ 2,2%
TOTALE ATTIVO60,059,7+ 0,5%
PATRIMONIO NETTO4,64,5+ 2,2%
SOCI1.5661.532 34 = + 2,2%
DIPENDENTI109+ 11%
    
UTILE>130.000  

Ma i dati più significativi sono legati alla risposta che ha saputo dare la Banca nell’accompagnare le misure di sostegno messe in campo dall’Autorità di Governo per contrastare le conseguenze della crisi sanitaria sull’economia – prosegue Mele – Ebbene, circa il 30% degli impieghi sono andati nella direzione di sostenere la sospensione delle rate di mutuo ovvero del finanziamento con garanzia pubblica dello Stato. E’ un dato in linea con quanto fatto dalle BCC a livello nazionale, che a loro volta (in termini percentuali) hanno fatto più di quanto realizzato dall’industria bancaria “altra”; ciò segna e conferma in maniera netta l’importanza che queste Banche hanno nel tessuto economico del Paese Italia e il ruolo che sono in grado di svolgere (più e meglio di altri) nei territori di competenza. Il dato va enfatizzato perché in questo momento, da parte del Legislatore e della Vigilanza Europei non sempre viene riconosciuta questa specificità del Credito Cooperativo, con la conseguenza che non applicandosi concretamente il principio di proporzionalità, si tende ad omologare sotto il profilo regolamentare ed organizzativo le Banche di categoria all’industria bancaria altra, con risvolti pesantissimi e sempre più insostenibili sul piano dell’operatività per le banche minori. L’auspicio è che ci sia quanto prima una inversione di tendenza.

Un’ultima annotazione va fatta sul livello di operosità e di efficienza della nostra struttura operativa. MilanoFinanza, che è tra i maggiori quotidiani economici a livello nazionale, pubblica ogni anno l’Atlante delle Banche che offre una radiografia, con relativa classifica, sullo stato di salute delle banche italiane. C’è una classifica nazionale che è formata in base a criteri di carattere quantitativo, prevalentemente orientata sui volumi delle masse amministrate e sulla consistenza patrimoniale; c’è poi una classifica regionale che è il frutto di un’analisi di tipo qualitativo e presta attenzione alle “performance” delle banche, valutando tutta una serie di indicatori. Ebbene, nella classifica pubblicata a dicembre 2020, che ovviamente si riferisce all’attività svolta dalle banche italiane nel 2019, si registra il posizionamento della BCC di Putignano al 13° posto su 26 banche di Puglia e Basilicata (BCC e Popolari); nel 2018 eravamo al 23° posto su 26; l’anno prima, il 2017, al 26° su 27.

A conferma di questo brillante dato vi è il “premio di risultato” che la Banca ha liquidato ai propri dipendenti nel 2020, con riferimento al 2019; ebbene, questo premio, che viene determinato in base all’applicazione di tutta una serie di coefficienti prestabiliti nel CCNL di categoria, ha registrato il 2° miglior premio di risultato tra tutte le BCC di Puglia e Basilicata; ovviamente, il Consiglio di Amministrazione è stato ben felice di riconoscere ai propri collaboratori questo premio assolutamente meritato per l’impegno e l’abnegazione mostrata dello svolgimento delle attività lavorative. Di questo si ringrazia pubblicamente il Direttore Generale Giovanni D’Onghia.

La pandemia è ancora in atto e ci vorrà ancora tempo per venirne definitivamente fuori. L’auspicio è che possano essere attenuati e minimizzati gli impatti economici di questa crisi e che si possa tornare quanto prima ad accettabili livelli di crescita e di sviluppo per i nostri territori, per le nostre comunità, per i nostri giovani in particolare. In attesa che ciò avvenga, la Banca non farà mancare, come ha fatto, il proprio sostegno ai giovani, alle famiglie e alle imprese del territorio, affinchè questa Comunità di cui tutti noi siamo parte possa riprendere il suo cammino”.

Di qui la cerimonia di assegnazione delle borse di studio a studenti universitari e laureati in materie economiche, come da verdetto della commissione, di cui fa parte anche il prof. Bisceglia, che ha voluto ricordare in particolare ai giovani presenti alla seduta online il tratto deciso e votato alla gioventù della docenza dei proff. Nicola e Luigi Albano.

Di seguito i nominativi degli studenti risultati assegnatari delle n. 4 Borse di Studio e del Premio di Laurea intitolati alla memoria dei Proff.ri Nicola e Luigi Albano di euro 1.000,00 cadauna:

per gli iscritti ad un corso di laurea triennale:

1) CATERA SERENA  residente in Putignano, iscritta al corso di laurea in Marketing e comunicazione d’azienda

2) ROMANAZZI SERENA residente in Putignano, iscritta al corso di laurea in Marketing e comunicazione d’azienda

Per gli iscritti ad un corso di laurea magistrale:

3) FORTUNATO ROSSELLA  residente in Sammichele di Bari, iscritta al corso di laurea in Economia e management

4) PUGLIESE GIOVANNI residente in Turi, iscritto al corso di laurea in Consulenza professionale per le aziende

Per il premio di laurea:

5) Dott. ssa DE MARINIS MARIA ALESSIA residente in Conversano BA, laureatasi a novembre con una tesi magistrale in Matematica.

Al termine, dal presidente Mele l’auspicio che iniziative come quella delle borse di studio possano accrescere nei giovani la curiosità di conoscere i valori e i principi dei crediti cooperativi, che sono banche di comunità, fondate sull’essenzialità delle relazioni umane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: CONTENUTO PROTETTO!